Cosa fare e vedere a Martinica

domenica, maggio 07, 2017 0 Comments A+ a-


Siamo appena tornati da un bellissima settimana a Martinica e vorrei iniziare a condividere con voi qualche informazione utile su questo paradiso tropicale.
Rispetto ad altre isole caraibiche visitate in passato (Bahamas, Turks & Caicos e Cuba) sicuramente Martinica si presenta subito con una morfologia differente: è un'isola montuosa, con la cima più elevata, il vulcano Monte Pelée, che raggiunge quota 1397 metri, ma soprattutto verdissima. La natura qui è davvero rigogliosa e a parte i piccoli insediamenti urbani per il resto intorno a voi troverete solamente campi di banane e canna da zucchero o foresta tropicale.

L'isola di Martinica è relativamente estesa (80 km di lunghezza e 39 km di larghezza) ed offre tante cose da fare e vedere.  L'isola si divide sostanzialmente in due aree, la zona sud famosa per le sue spiagge caraibiche da cartolina, e la zona a nord con spiagge nere e foresta tropicale.
Secondo me il giusto tempo per poter visitare Martinica in tranquillità sono due settimane, noi avendo a disposizione solo sette giorni abbiamo preferito concentrarci nella parte sud.


Sicuramente una delle attrazioni principali dell'isola sono proprio le spiagge che sono molto differenti l'una dall'altra e permettono quindi di soddisfare i gusti di tutti.

La nostra preferita è senza ombra di dubbio Grande Anse Salines, questa a detta di molti è la spiaggia migliore di tutta Martinica, e noi siamo d'accordo.

Avete presente la classica immagine da cartolina: spiaggia bianca, palme e mare cristallino? Ecco qui troverete tutto questo. Ma in realtà quello che ci ha conquistato di questa spiaggia non è solo questo. E' una spiaggia immensa, a tratti molto selvaggia, mai affollata (almeno ad Aprile) che permette davvero di staccare la mente e rilassarsi.
Dietro alla spiaggia, oltre a comodi parcheggi gratuiti, potete trovare anche servizi igienici con docce e tanti baretti, localini e negozietti di souvenirs.
Il nostro locale preferito fin da subito è stato la Saladerie Chez Olivier, un bellissimo ristorantino in legno con una vasta scelta di piatti freddi squisiti a base di carne, pesce e verdure. In più questo locale ha un banco fornitissimo di frutta tropicale che si può acquistare sciolta o sottoforma di gustosissimi succhi di frutta preparati al momento!

Un'altra spiaggia molto bella vicino a quella di Salines è la spiaggia di Pointe Marin. Questa spiaggia è raggiungibile a piedi dal paesino di Sainte-Anne. E' più piccola rispetto a les Salines e si trova in una baia più riparata. Qui è dove si trova anche il Club Med.
Nella zona di Sainte-Luce si trovano altre spiagge carine e comode soprattutto se si alloggia nelle vicinanze. Qui da Gros Raisins a Anse Mobouya ci sono una serie di baie collegate tra loro da un percorso a piedi. La nostra preferita è Corps de Guard, qui è dove abbiamo trovato il mare più bello. Anche questa spiaggia è attrezzata con docce e servizi e ci sono un paio di localini dove mangiare.

Non ci hanno invece entusiasmato le spiagge nella zona di Le Diamant. Qui il colore della spiaggia è più scuro e il mare sempre molto mosso.
Da non perdere la zona di Les Trois-Ilets, qui il mare ha un colore più tendente al verde, ma è limpidissimo e bellissimo. Nella zona ci sono varie spiagge da visitare: Anse Mitan, Anse Dufour, Anse Noire.
La spiaggia di Anse Mitan è molto bella ma ha pochissima ombra, quindi tenetelo in considerazione.
Da qui partono i traghetti per andare a visitare la capitale di Martinica: Fort-de-France. Molte guide suggeriscono di saltarla, invece secondo noi merita una visita. Il modo più veloce per arrivarci evitando il traffico e i parcheggi a pagamento è quello di prendere un traghetto dalla penisola di Les Trois-Ilets. Con una traversata che dura 15 minuti sarete nella capitale di Martinica.
Fort-de-France ti accoglie con la sua urbanizzazione a ridosso del mare, con il campanile della cattedrale di St. Louis che svetta sui tetti e con le navi da crociera attraccate al molo.
La cittadina si visita in circa 2-3 ore. Ci sono vari siti interessanti:
  • I giardini Place de la Savane se siete alla ricerca di un pò di frescura dal caldo tropicale
  • La Cattedrale di St. Louis
  • La biblioteca Schoelcher costruita in Francia per l'Expo del 1889 e poi smontata e rimontata a Martinica
  • Il mercato coperto: qui troverete tanti souvenirs ma anche buonissima frutta. Vi consigliamo anche di provare i dolci che sono venduti in un baracchino proprio fuori dall'ingresso al mercato.
  • La via principale pedonale dove si respira un mix tra caraibico, francese e americano. Con le grandi catene americane (Mc Donalds, KFC) e francesi (Galeries Lafayette) che si alternano a baracchini e cafè.

Tra gli altri paesini da visitare vi consigliamo Les Trois-Ilets, con la sua chiesetta e il mercato coperto.
Le Diamant, con la lunga via principale piena di negozietti, la chiesa di legno e la bellissima vista su le Rocher du Diamant, lo spuntone di roccia in mezzo al mare.
 
A Le Diamant non perdetevi il Cap 110, il memoriale dedicato ad un'imbarcazione di schiavi naufragata sulle coste di Martinica nell'800. Questo monumento è davvero toccante, con 15 statue giganti, bianche (il bianco è il colore dei funerali nei Caraibi), poste a triangolo a simboleggiare i tre continenti (Africa, Europa e America) e che con sguardo malinconico si rivolgono verso le coste africane.

Infine meritano una visita anche i paesini di pescatori di Sainte-Luce e Sainte-Anne, ideali soprattutto alla sera per cenare con ottimo pesce alla griglia in riva al mare.
Un'altra cosa imperdibile da fare a Martinica è sicuramente la visita di una distilleria di Rum. Sull'isola ce ne sono parecchie, noi abbiamo scelto la distilleria Le Clement, perchè ci permetteva sia di visitare la distilleria, sia di vedere anche la casa coloniale. Questa distilleria è stata teatro anche di un summit franco-americano tra il presidente Bush Sr. e Mitterand.
La visita dura circa 1 ora e mezza, costa 12€ a persona ed include un'audioguida in inglese o francese. Alla fine della visita è possibile degustare varie tipologie di rum e di acquistare delle bottiglie.

 
Sull'isola ci sono tante altre attività da fare, come percorsi di trekking, visita del museo della banana, gite in barca per avvistare i delfini, visita di Saint-Pierre (l'antica capitale distrutta da un'eruzione nel 1902). Se volete approfondire vi lascio qui di seguito il link ad uno dei pochi siti dove ho trovato tante informazioni utili per pianificare il viaggio: www.martinicaonline.it




Adoro viaggiare da sempre. Amo tutto dei viaggi, dal fantasticare su una meta, a conoscere nuove culture e persone, vedere nuovi posti vicini e lontani, perdersi in strade che non si conoscono, assaggiare nuovi sapori. Fin da bambina sono sempre stata molto curiosa e ho sempre avuto una voce dentro che mi esortava a partire, conoscere posti nuovi ed intraprendere nuove esperienze. Con l'età adulta ho iniziato a viaggiare assiduamente, il mio sogno è quello di poter vedere il mondo intero, credo infatti che ogni luogo possa trasmetterci qualcosa. Ho aperto questo blog per condividere le mie esperienze con tutti coloro che come me amano fantasticare sui viaggi. Benvenuti a bordo!